ANNA MAZZEO: UNA DONNA TRA LE DONNE

Anna Mazzeo: forse il nome non vi suonerà nuovo perché, percorrendo via lagomaggio, potrete incrociare proprio la sua agenzia immobiliare.

Ed è qui che Anna ci accoglie, in un ambiente curato e familiare, prestandosi a due chiacchiere e, da buona napoletana quale è, ad un buon caffè!

Ciao, Anna! Grazie, innanzitutto, per il tempo che ci dedichi. Prima di tutto, però, ci farebbe piacere sapere qualcosa di te…

Ben volentieri! Sono Anna, napoletana e mamma di due giovani ragazzi. Vivace e allegra, vivo a Rimini da tempo, ormai, ove ho intrapreso questa carriera da agente immobiliare.

Carriera che, a bene vedere, ti ha dato soddisfazioni! E questo si evince dai riconoscimenti come da qualche omaggio di clienti o dipendenti transitati negli anni.

Sì! Ammetto che è un mestiere faticoso, nonostante ora l’ausilio della tecnologia sia fondamentale nonché un grande scarico, ma mi piace e mi appaga decisamente. Inoltre, come purtroppo immagino accada anche a voi giocatrici, ad oggi la donna deve ancora sgomitare per far “vedere chi è”, come si suol dire. Non è semplice emergere, se poi si è mogli e madri, la fatica raddoppia!

 

Anna, la Femminile Rimini Calcio è una squadra composta da donne e in effetti comprende bene quanto dici.  Ci fa molto piacere averne una tra gli sponsor, a maggior ragione, ma…  tu, da noi, come ci sei arrivata?

…sorriso! Beh, l’anello di congiunzione tra me e la squadra è stato Zeno (Lisi, il Mister), il quale di recente mi ha coinvolta in questa avventura.

 

Dicci, dunque: è il tuo primo anno con questo team?

E’ esattamente il primo anno, ma sono entusiasta perché non mi era mai capitato prima!


Anna, una domanda però è d’obbligo… Donna. Napoletana. Napoletana… Napoletana… Ma tu, a calcio, ci hai mai giocato?!

E certo che ci ho giocato! La passione per il pallone ce la trasmettiamo nel DNA! Ricordo ancora la vittoria dello scudetto, ricordo Maradona… Per noi, il calcio, è un “affare importante”! E io sì: un po’ come un vostro precursore ho iniziato a giocare, a livello amatoriale, proprio da piccina nella mia città. Non poteva essere diversamente!

Dacci tre nomi di tre calciatori che ti vengono in mente, al volo!

… Zoff. Cabrini e…

… e il terzo te lo dico io: quel bel ragazzone di Cannavaro, tanto per restare a Napoli! 

Ride, Anna, e con questo sorriso genuino ci congediamo per lasciarla lavorare dato che, nel frattempo, il telefono le sarà squillato già tante volte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *